Itinerario della Costa blu di Marsiglia

Un giro fra i villaggi di pescatori e le spiagge più belle della Costa Blu.

Percorso: 103 km | Durata: 1/2 giorni | Periodo consigliato: luglio/agosto

La Costa Blu, nonostante sia meno conosciuta rispetto alla “sorella” Costa Azzurra, è invece molto più autentica e informale, costellata da veri villaggi di pescatori e molto frequentata dai marsigliesi. Ricca di belle spiagge è l’occasione per fare delle rigeneranti soste per prendere il sole o per un tuffo in mare.

Tappe principali

  1. La Ciotat – Cassis | 13 km
  2. Cassis – Aubagne | 14 km
  3. Aubagne – L’Estaque | 30 km
  4. L’Estaque – Carry-le-Rouet | 17 km
  5. Carry-le-Rouet – Martigue | 26 km

La Ciotat

La prima tappa è La Ciotat, una cittadina che il turismo provenzale non ha ancora scoperto. Nonostante sia sede di importanti cantieri navali, conserva un fascino retrò dovuto forse al fatto che qui i fratelli Lumière hanno girato il loro primo filmato. Da qui si può partire in barca per un’escursione giornaliera alle calanques.

Consigli

Cassis

Si prosegue per Cassis, un affascinante porto, protetto da un castello abbarbicato su uno sperone roccioso, purtroppo oggi trasformato in un hotel.

Ottima base per andare alla scoperta della calanques, propone un ottimo vino bianco con un soffusa aroma di rosmarino, erica e mirto.
cassis.fr

Consigli

Aubagne

Prima di arrivare a Marsiglia, una sosta a Aubagne, la capitale dell’argilla, ricca di botteghe di vasai, ceramisti e artigiani di santons nella città vecchia.

Consigli

L’Estaque

L’Estaque, vecchio villaggio di pescatori, immortalato da Renoir, Cezanne e Braque. Qui è piacevole passeggiare sul lungo mare assaggiando le specialità locali come le panisses, tortine di farina di ceci e i chichi frégi, ciambelle ricoperte di zucchero.
estaque.com

Consigli

Carry-le-Rouet

Si prosegue fino a Carry-le-Rouet e Sausset-les-Pins, due stazioni balneari pittoresche che richiamano alla memoria atmosfere impressioniste ottocentesche.

Consigli

Martigues

Si arriva così a Martigues, un piccolo porto provenzale che nonostante la forte industrializzazione della zona ha saputo conservare il suo carattere provenzale. La città vecchia si sviluppa su un’isola attraversata da ponti (come tanti villaggi sparsi per l’Europa è chiamata “la Venezia” provenzale) su cui si affacciano le casette colorate, tanto care ai pittori prima e oggi ai fotografi, tinteggiate con la vernice che avanzava dalle barche.
martigues-tourisme.com

Consigli

Ti è stato utile questo articolo?

Il tuo parere per noi è importante, facci sapere che ne pensi usando le stelle

Valutazione media 4.7 su 21 voti
Condividi