Aix-en-Provence

Questa elegante cittadina racchiude tutto il fascino della Provenza, fra mercati colorati, piazze ombrose, fontane e palazzi signorili.

Aix-en-Provence è un’elegante cittadina provenzale dal fascino retrò, capace di stupire i visitatori che avranno la pazienza di visitarla senza fretta: i cestini di vimini pieni di lavanda, le botteghe da cui esce il fragrante profumo del pane, i tanti giovani che animano i suoi caffè all’aperto, i colori pastello delle case, le fontane gorgoglianti.

Lasciate la macchina fuori dal centro, sulla strada circolare che lo circonda, e passeggiate nel dedalo di viuzze strette e di piazzette nascoste, assaporando con lo sguardo le tante botteghe di antiquari, i negozi di artigianato provenzale e di prelibatezze gastronomiche, ma soprattutto il tripudio di colori del mercato settimanale.

Aix-en-Provence possiede tutto lo charme della più profonda Francia del sud, con il sole accecante che accende i maestosi palazzi signorili, dai portali scolpiti nella pietra. La città incanta i visitatori con le sue piazze ombreggiate dai grandi platani e con le sue tantissime fontane, spesso ricoperte di muschio e dalle forme più bizzarre che punteggiano il reticolo urbano, diventando una caratteristica della città.

Tutto questo ha saputo ammaliare generazioni di poeti e pittori come Cezanne, che impresse sulla tela tutta la magia di questo angolo di Provenza.

Cosa vedere a Aix-en-Provence

Aix-en-Provence è una piccola città che va scoperta e assaporata senza fretta. Il suo fascino e la sua bellezza risiedono nell’atmosfera giovane e frizzante, nelle facciate dei palazzi, nei dettagli delle fontane, negli scorci inaspettati che si scoprono solamente passeggiando lentamente.

La Città Vecchia

1Place de l'Hôtel de ville, 13100 Aix-en-Provence, Francia (Sito Web)

La parte più caratteristica, antica e affascinante della città è senza dubbio la Città Vecchia, la zona compresa fra Cours SextiusRue Thiers e Cours Mirabeau, un continuo susseguirsi di piccole piazzette raccolte, vicoletti, ristoranti e negozi.

Passeggiate su e giù per il fitto reticolo di stradine che saprà regalarvi bellissime sorprese ad ogni angolo. Nella piazza dell’Hotel de Ville con la Torre dell’Orologio, il martedì, giovedì e il sabato mattina si svolge il coloratissimo mercato dei fiori, un trionfo di profumi inebrianti. Nella piazza brulicante di bancarelle ricolme di fiori, potrete curiosare fra negozi pittoreschi, come La cure Gourmande, assaggiare i calissons, deliziosi biscottini a forma di rombo in pasta di mandorle ricoperti con glassa bianca e oziare sorseggiando un caffè sotto l’ombra dei grandi platani secolari.

Il passage Agard, l’antico convento dei Carmes, è un angolo nascosto di Aix-en-Provence: collega il Cours Mirabeau al Palazzo di Giustizia mentre in Place de Verdun troverete un mercatino delle pulci e dell’antiquariato il martedì, il giovedì e il sabato.

Place Ramus, con i suoi ristoranti pittoreschi, è perfetta per una cena romantica mentre Place des Cardeurs è il centro nevralgico delle serate universitarie. Si prosegue per Place Richelme, dove ogni mattina si riempie di banchi profumati di frutta, verdure e spezie, un luogo incantevole per bighellonare e scattare foto ricche di colori.

Da non perdere anche Place d’Albertas, risalente al 18° secolo, circondata da eleganti edifici barocchi e rococò: fu edificata nel 1745 per volontà del marchese d’Albertas secondo lo stile delle piazze reali parigine e abbellita dalla sua magnifica fontana.

Cattedrale di Aix-en-Provence

234 Place des Martyrs-de-la-Résistance, 13100 Aix-en-Provence, Francia (Sito Web)

Con le sue imponenti navate e la fonte battesimale sormontata da una cupola bianca, la Cattedrale di Saint-Sauveur è un monumento storico da non perdere in città.

Si distingue soprattutto per il meraviglioso portale in stile gotico fiammeggiante della facciata e per l’incantevole chiostro romanico che custodisce al suo interno. Quando la luce si riflette e s’insinua fra le colonne, si intuisce perfettamente il grande fascino che la Provenza ha avuto su artisti e pittori.

Atelier di Cezanne

32 Avenue Paul Cézanne, 13100 Aix-en-Provence, Francia

Sulla collina di Lauves, alle porte della città, si trova il rifugio di Paul Cezanne, uno degli artisti più importanti del XIX secolo, famoso pittore in bilico fra impressionismo post-impressionismo, anticipatore involontario del futuro cubismo.

Il pittore provenzale, dopo anni di lavoro a Parigi, decise di tornare nella sua città natale per chiudersi in questo angolo di quiete e pace assoluta e dedicarsi completamente allo studio e all’arte. Il suo approccio con la rappresentazione pittorica necessitava di tempo e lentezza: per compiere gli studi sulla geometricità delle figure e analizzare i soggetti da diverse angolazioni e differenti punti di vista simultaneamente, Cezanne aveva bisogno di spazio e di tempo. Per questo motivo allestì uno studio immerso nella luce e nel silenzio, in cui potersi circondare di tutti gli oggetti che gli servivano per i suoi lavori.

Entrando nel laboratorio di Cezanne il tempo sembra essersi fermato e tutto è lì come lo ha lasciato l’artista: in questa ampia e luminosa sala vedrete cavalletti e caffettiere, bottiglie e caraffe, teschi umani e cestini in vimini dove riponeva le mele, il frutto che più amava studiare e riprodurre all’infinito. Potrete vedere anche il manichino in legno che usava per le tele di figure femminili come il ciclo delle Grandi Bagnanti, realizzato proprio qui.

Una grande vetrata occupa un’intera parete e inonda lo studio di luce proiettandolo nel giardino circostante. Facendo pochi passi all’esterno avrete una vista strepitosa sulla montagna di Sainte Victoire, uno dei soggetti preferiti da Cézanne. La montagna alle porte di Aix-en-Provence era la sua ossessione pittorica, come la Cattedrale di Rouen per Monet: Cézanne la immortalò infinite volte, nelle diverse condizioni atmosferiche, nei differenti periodi dell’anno, rilevando i cambiamenti di luce e atmosfera.

Quartiere Mazzarin

4Place des 4 Dauphins, 13100 Aix-en-Provence, Francia

Il Quartiere Mazzarin, progettato da Michael Mazarin, arcivescovo di Aix e fratello del cardinale Mazarin, è una parte della città caratterizzata da splendidi palazzi del XVII e XVIII secolo, come l’Hotel de Forbin (al civico 20), risalente al 1656 e l’Hotel de Marignane.

In questo quartiere la progettazione urbana diventa più razionale e geometrica rispetto al reticolo stretto della città vecchia, come si nota nell’immenso Cours Mirabeau, il viale costruito nel 1651 per il passaggio delle carrozze. Sul corso, all’ombra di platani immensi, si affacciano caffè, ristoranti e boutique.

L’angolo più famoso del quartiere è sicuramente la Fontana dei Quattro Delfini, circondata da splendidi palazzi signorili dalle facciate riccamente decorate.

Cours Mirabeau

5Cours Mirabeau, 13100 Aix-en-Provence, Francia

Questo lunghissimo viale divide la città nuova dalla vecchia e rappresenta uno dei punti nevralgici della città. Vi consigliamo di percorrerlo con calma, gustandovi la tipica atmosfera provenzale, rilassata e solare: potrete sedervi a uno dei tanti caffè che si affacciano sul viale, come il Café des Deux Garçons, una meravigliosa brasserie risalente al 1792, osservare le vetrine dei negozi e indugiare sui dettagli preziosi dei grandi portali nobiliari.

Il corso parte da La Rotonde, un’immensa fontana costruita nel 1860 e caratterizzata da tre grandi statue allegoriche che rappresentano e che sono orientate verso le tre città più importanti della Provenza: Marsiglia simbolo dell’Agricoltura, Aix-en-Provence emblema della Giustizia e Avignone incarnazione delle Belle Arti.

Il viale è adornato da magnifici palazzi signorili, simbolo dell’ascesa dei borghesi cittadini, che qui si fecero costruire le loro dimore per sottolineare la loro nuova posizione sociale. Il più famoso esempio barocco della città è l’Hotel Maurel-de-Pontevés (al numero civico 38): il balcone viene sorretto da due imponenti atlanti.

Risalendo lungo il grande viale alberato incontrerete altre bellissime fontane: la fontana dei Nove Cannoni, edificata nel 1691 per portare l’acqua al convento di Sant’Orsola, la fontana dell’acqua calda, detta anche “la muschiosa”, edificata in un punto dove sgorga acqua termale a 34° e infine la fontana raffigurante il re Renato d’Angiò, rappresentato con un grappolo d’uva in mano, dando credito alla leggenda secondo cui fu proprio il sovrano a introdurre la vite in Provenza.

Mappa

Nella mappa seguente potete vedere la posizione dei principali luoghi di interesse citati in questo articolo.

City Pass Aix-en-Provence

Per tutti coloro che desiderano approfondire la visita di Aix-en-Provence esiste la possibilità di acquistare il City Pass  Aix-en-Provence: la carta turistica può essere attivata nella formula di 24, 48 o 72 ore e consente l’accesso gratuito ai siti più importanti della città e dei dintorni, a 11 visite guidate su diversi temi e a un giro di Aix-en-Provence sul trenino turistico.

La card può essere acquistata presso l’Ufficio del Turismo di Aix-en-Provence (300 avenue Giuseppe Verdi) oppure on line.

Dove dormire a Aix-en-Provence

Per vivere tutta l’atmosfera provenzale della città vi consigliamo di soggiornare in prossimità o all’interno del centro storico: in questo caso assicuratevi di trovare un albergo con parcheggio, dal momento che è molto difficile lasciare la macchina nelle zone a traffico limitato.

Il quartiere Mazzarin è una zona residenziale, tranquilla e molto elegante, in cui troverete gli alloggi più esclusivi e lussuosi della città, luoghi di charme ricavati all’interno di prestigiose residenze e palazzi nobiliari. Il quartiere è ideale per lo shopping, per la scoperta degli edifici storici e per le affollate caffetterie ma è poco vivo la sera.

Se invece cercate maggiore vivacità, locali serali e ristoranti, dovrete spostarvi all’interno della città vecchia. Qui si concentrano soprattutto appartamenti in affitto e piccoli monolocali nel cuore del centro. Per vivere le serate di Aix-en-Provence vi consigliamo in particolare Place des Cardeurs, il cuore della vita notturna, in cui indugiare fino a tarda ora nei tanti bar e locali.

Per soggiornare in grandi alberghi, dotati di tutti i confort e spesso anche di spa, occorre uscire dal cuore della città. Intorno al centro infatti si trovano la maggior parte degli hotel e delle catene alberghiere.

Hotel
Hôtel des Augustins
Aix-en-Provence 3 Rue De La Masse
Ottimo 1076 recensioni
8,4
Situato nel cuore della città vecchia di Aix-en-Provence, in una traversa del famoso Cours Mirabeau, l'Hotel Les Augustins sorge all'interno delle mura di un convento risalente al XII secolo. L'Hotel Les Augustins vanta una delicata combinazione di architettura storica e moderna e una magnifica hall.
Vedi Tariffe
Hotel
Le Concorde
Aix-en-Provence 66-68 Boulevard Du Roi René
Ottimo 1726 recensioni
8,4
Situato in una posizione ideale nel centro di Aix-en-Provence, a soli 5 minuti di cammino dalla famosa Cour Mirabeau e vicino al Museo Granet, l'hotel Le Concorde offre un giardino fiorito. Le camere sono dotate di aria condizionata, connessione WiFi e TV con canali Canal+.
Vedi Tariffe
Odalys City Aix en Provence L'Atrium
Aix-en-Provence 15 Cours Gambetta - Espace Forbin
Buono 3050 recensioni
7,8
Situato ad Aix-en-Provence, a 10 minuti a piedi dal centro storico e a 5 minuti di cammino dai negozi del Cours Mirabeau, l'Odalys City Aix en Provence L'Atrium offre monolocali a ristorazione indipendente e appartamenti con 1 camera da letto forniti di connessione WiFi gratuita. In ogni alloggio troverete TV via cavo e satellitare a schermo piatto, angolo cottura con microonde, fornelli e frigorifero, e bagno privato dotato di vasca o doccia.
Vedi Tariffe

Dove si trova Aix-en-Provence

Aix-en-Provence si trova a pochi chilometri dalle principali città della Provenza: circa 90 km da Avignone e solamente 32 da Marsiglia, nel cuore del Vaucluse, una regione montuosa ricca di borghi e di angoli da scoprire.

Allungandosi di poca strada si raggiunge anche Saintes-Maries-de-la-Mer, incantevole cittadina della Camargue.

Vedi gli alloggi in questa zona

Località nei dintorni